Chi Siamo


PRESENTAZIONE

L’Agricoltura Sociale sta emergendo in Friuli Venezia Giulia come un’occasione per incrementare le opportunità di inclusione sociale e lavorativa e, contemporaneamente, per favorire il potenziamento di un’economia locale responsabile sia sotto il profilo sociale che ambientale.

Il Forum coinvolge attivamente cooperative sociali, associazioni, istituzioni pubbliche, aziende agricole e cittadini privati, concretizzando l’azione sinergica di queste realtà in uno strumento operativo per promuovere una crescita che sia:

  • economicamente e ambientalmente sostenibile, valorizzando  le identità locali.
  • multifunzionale, realizzando percorsi terapeutici, riabilitativi e di integrazione dei soggetti interessati.
  • inclusiva, favorendo la riappropriazione dell’individuo del proprio ruolo in società, attraverso il reinserimento nel mondo del lavoro attraverso l’acquisizione delle tecniche e delle pratiche agricole.

L’Agricoltura Sociale coniuga utilizzo delle risorse agricole e processo produttivo multifunzionale con attività sociali: in partnership coni  servizi sociosanitari e la pubblica amministrazione in una sussidiarietà autentica sostiene attività che favoriscono la coesione sociale e il benessere della cittadinanza.

L’implementazione di iniziative di Agricoltura Sociale nella Provincia di trieste vuole essere una buona prassi di sviluppo locale sostenibile a livello sociale, economico e ambientale che si inserisce perfettamente negli obiettivi delle politiche del welfare territoriale, coerentemente con le priorità stabilite per tutti e tre gli Ambiti della Provincia dall’Obiettivo 9.1 del Piano di Zona 2013-2015 che intende “Promuovere misure di contrasto tra la povertà che accanto agli interventi di integrazioni economiche prevedano l’utilizzo di strumenti di reinserimento lavorativo – sociale secondo una logica di attivazione che miri all’autonomia della persona.” In particolare poi l’Obiettivo 8.3 per l’Ambito 1.3 Comune di Muggia e San Dorligo della Valle sostiene e ritiene prioritari “Interventi di inclusione sociale e lavorativa in nuovi ambiti produttivi e secondo nuovi modelli di produzione integrati con offerte di servizi e ambientalmente sostenibili.” ed in particolare la Macroazione 8.3.1 prevede la “Individuazione di nuovi percorsi di inclusione sociale e lavorativa per persone in condizioni di svantaggio sociale ed occupazionale con particolare riferimento all’ambito dell’agricoltura sociale (fattorie sociali e didattiche) in un contesto di economia sociale e di reti solidali che applichino modelli di produzione e consumo ambientalmente sostenibili.

 


Intervista a Dario Parisini, coordinatore del Forum


 

TAPPE STORICHE DEL FORUM

Nei primi mesi dell’anno 2011, si sono svolti alcuni incontri spontanei tra operatori del SIIL (Comune di Trieste), del terzo settore, e familiari di disabili,  nella comune motivazione di realizzare sul territorio della Provincia di Trieste una rete di iniziative di Agricoltura sociale finalizzate all’inclusione sociale e lavorativa di persone dell’area dello svantaggio e della disabilità, ed alla conseguente creazione di “economia sociale”.

Nel mese di gennaio 2012, le stesse persone hanno collaborato al partenariato di adesione alla “Manifestazione d’interesse – 4^  chiamata– del Programma di riferimento “Spazio Alpino” nel contesto della Cooperazione Territoriale Europea, con il tema “Fattoria Sociale”. L’esito di questa iniziativa, che ha trovato nel Comune di Trieste la disponibilità al ruolo di capofila, assieme a soggetti istituzionali e non aventi già sostenuto esperienze di cooperazione europea, provenienti dal triveneto, Slovenia ed Austria, non è stato positivo, in quanto la scelta dell’organo europeo competente, ha ritenuto privilegiare altre richieste.

Nonostante ciò, questa prima esperienza di partenariato, ha creato maggiore consapevolezza e determinazione nell’avvio di iniziative di Agricoltura sociale nella Provincia di Trieste, ulteriormente confermata seguito della partecipazione al Convegno “Agricoltura Sociale: verso il cuore dell’economia locale” tenutosi in data25.05.2012 a Palazzolo dello Stella, durante il quale sono state descritte sia le potenzialità delle Pratiche di Agricoltura Sociale e di economia civile come opportunità per l’inserimento socio – lavorativo di persone svantaggiate, sia le esperienze attive nel settore sul territorio della Regione Friuli Venezia Giulia.

Successivamente, si sono avviati dei contatti con l’Amministrazione regionale del Friuli Venezia Giulia (Direzione Salute, Integrazione socio sanitaria e Politiche sociali) al fine di dare opportunità alla creazione di iniziative di Agricoltura sociale anche al territorio della Provincia di Trieste, mediante l’assegnazione all’Azienda per i Servizi sanitari n. 1 – Triestina per l’anno 2013, del contributo finanziario già reso nel corso degli anni precedenti alle altre Aziende regionali, con identiche finalità.

Ulteriori contatti si sono presi con i referenti gli Ambiti territoriali 1.2 (Comune di Trieste) ed 1.3 (Comuni di Muggia e San Dorligo della Valle / Dolina), per inserire iniziative riconducibili all’Agricoltura sociale nella programmazione degli obiettivi regionali e locali del Piano di Zona 2013 – 2015. Cosa avvenuta nel contesto dell’ Ambito territoriale 1.3 (Area “Disabilità, dipendenze e salute mentale in tema di inserimento lavorativo”), e nel contesto dei tre Ambiti 1.1, 1.2, 1.3, coincidenti con la Provincia di Trieste,  per l’Area tematica inclusionale – Area di utenza “Dipendenza e salute mentale” e “Povertà, disagio ed esclusione sociale”.

Nel mese di dicembre 2012, si è aderito al Corso di formazione “L’Agricoltura sociale del FVG in rete” organizzato da parte del CEFAP e dalle Aziende sanitarie regionali n. 2,3,4,5,6.

Infine, considerato il crescente interesse raccolto in più sedi sulla realizzazione  di una Rete di Agricoltura sociale, si è costituito, con Protocollo d’intesa  del 26 febbraio 2013, il “Forum dell’Agricoltura sociale della Provincia di Trieste”.


vai al Protocollo d’Intesa